Goodwill Asset Management servizi di tutela del patrimonio su conto corrente in Svizzera

RIFIUTI, POLITICA E MAFIA: dal tributo ambientale, alla salute, all’economia circolare: E. Fontana

RIFIUTI, POLITICA E MAFIA: dal tributo ambientale, alla salute, all’economia circolare: E. Fontana

Rifiuti, politica e mafia: cosa sai davvero dei rifiuti? Perché i rifiuti speciali sono un modo facile per fare soldi? È vero che la Cina non li vuole più? Chi li brucia, nella discarica o in un capannone, pagando un immenso tributo ambientale e distruggendo la nostra salute? È questo il modo in cui la mafia oggi aggredisce la sicurezza delle nostre famiglie?

Eppure, la gestione rifiuti, a partire dai rifiuti speciali, dalla raccolta differenziata e sfruttando l’economia circolare, oggi è possibile. In Italia le tecnologie per realizzare una raccolta rifiuti adeguata all’ambiente, per riciclarli e rimetterli in commercio esistono e potrebbero già essere utilizzate. Purtroppo smaltire i rifiuti non è cosa facile e nel caos delle normative a farla da padrona è la criminalità organizzata, spesso di stampo mafioso.

Ma cosa ci riserverà l’Ambiente 2019? Cambierà qualcosa? Su Byoblu, l’esperto di Legambiente e di politica ambientale, Enrico Fontana, intervistato da Giada Serina, racconta la rifiutopoli che non tutti conoscono: come funziona davvero la gestione rifiuti, se è vero che è in mano alle ecomafie, se possiamo dire che la Terra dei Fuochi, incendio dopo incendio, si sia spostata ormai al Nord, e soprattutto se possiamo ancora sperare in un futuro libero dai rifiuti, magari proprio grazie all’economia circolare.

Intanto, sull’Overshoot Day – l’impronta ecologica citata da Enrico Fontana al minuto 21 -, non dimenticare di guardare l’intervista di Byoblu del 2010 a Mathis Wackernagel, di The Global Footprint Network (abilita i sottotitoli in italiano dall’interfaccia del player di Youtube):

E su Byoblu, guarda anche: “Emergenza rifiuti, l’imprenditore bloccato 20 anni fa: “Non voglio niente, ma ecco i file del progetto: realizzatelo voi!”. Andrea Necchi”:
___
E ricordati: dona oggi, resta libero domani. Perché Byoblu è gratis per tutti, ma non per chi lo fa, che ha bisogno delle vostre donazioni per continuare.
Con Paypal: Con altri mezzi:
___
Vieni a discuterne qui, siamo già a centinaia di migliaia:

47 commenti

  1. Massora non sei sul pezzo, manca l'analisi, qui viene giù tutto e stai a parlare di rifiuti? Ascolta Paolo Becchi, cerca di avere più lungimiranza, altroché avvocato del popolo, Conte è una creatura di Napolitano, Mattarella e company e tu Massora da che parte stai? Adesso prova a mettermi il cuoricino.

  2. edilnord

  3. Come sempre grazie Byoblu per queste preziose informazioni

  4. EMERGENZA RIFIUTI: LA TECNOLOGIA CHE NON SI VUOL FAR NASCERE – Andrea Necchi https://youtu.be/PGM0BI5WlqY di @YouTube

  5. Video molto interessante…

  6. Bellissima e utilissima intervista.
    Questa si che è informazione che cambia l'individuo e le sue scelte.
    Italiani! Aumentiamo il senso civico in questo Paese, che è il più bello del Mondo!
    Grazie Enrico Fontana, grazie Byoblu

  7. Complimenti Byoblu , siete veramente illuminanti e decisamente chiari con chi disquisire del nostro futuro e dei nostri figli.

  8. Comunque….sui cigli delle strade di tutta Italia, (quindi dal Piemonte alla Sicilia.) Si trovano diversi diversi diversi sacchi di immondizia. Gettati lì e, nessuno si interessa a fare pulizia e controllare. È UNA VERGOGNA.

  9. Un paio di giorni fa Napoli si è svegliata con un mare completamente bianco, sicuramente qualcuno ha scaricato qualche sostanza chimica in esso!!! E non dimentichiamo chi, nelle terre del fuoco, continuano a morire ogni singolo giorno!!! È una VERGOGNA!!!

  10. Ho ascoltato una intervista degna di nota, Grazie Claudio avanti cosi

  11. Ma chi decide che la pasta le verdure la frutta e tutto il resto invece che vendute sfuse debbano essere messe sempre dentro pacchetti?

  12. Quello che fanno le ecomafie è una parte del problema perché bisogna vedere quello che portano in Africa……….

  13. Già Victor Hugo, durante una riflessione nel libro "I Miserabili", faceva notare come la società del tempo riversasse i propri liquami urbani nelle fogne, inquinando i fiumi, per poi andare a raccogliere il guano di pipistrelli ed uccelli marini in luoghi sperduti del pianeta usandolo come fertilizzante.
    Bisogna sempre porsi due semplici domanda: " Cosa succede se lo fanno tutti" "Cosa succede se lo si fa per sempre" parlando di rifiuti capiremo che prima o poi la Terra diventerà un'enorme discarica ( siamo già a buon punto verso tale obbiettivo). Ogni volta mi dispero pensando che problemi, i quali dovevano essere affrontati più di 50 anni fa, restano ancora irrisolti o, peggio ancora, non trattati….

  14. Perché non fate un'inchiesta sul confezionamento della merce, spesso la scatola è di dimensioni doppie i triple rispetto al volume della merce interna, o si arriva all'assurdo di dover acquistare banane confezionate su un piatto di plastica e rivestite di cellophane. Cominciamo da ridurre la produzione di rifiuti. Oramai quando torno dal supermercato è più la roba che getto nella spazzatura che quella che metto in frigo assurdo!

  15. Lega ambiente? li fate parlare? L ignoranza regna.. Vergogna

  16. Per favore contattate il professor Ruggero Santilli. Un grande scienziato italiano che vive negli USA e che ha sviluppato dei sistemi di lavorazione di rifiuti, anche radioattivi, che li trasformano in energia pulita. Santilli ha la soluzione REALE a questi gravi problemi.

  17. C'è vita nei commenti.

  18. Complimenti, un bel servizio. Grazie. Ciao

  19. Ottimo servizio. Complimenti

  20. Sono le industrie che CI USANO per inquinare il mondo: se non ci fossero tutti gli imballaggi inutili e non biodegradabili inquineremmo molto molto di meno, anzi quasi per niente

  21. vivo da qualche anno in slovenia, un paese che a parole dice di tenerci all'ambiente.Nei supermercati sono passati dal vendere frutta secca sfusa alla confezione in plastica per ogni tipo di frutta. su un banco di un metro quadrato ci sono qualcosa come 200 contenitori. Non c'e' NESSUNA volonta' di ridurre l' inquinamento da rifiuti a livello europeo. evidentemente c'e' piu' di qualcuno che ci guadagna

  22. Grazie byoblu grazie dr. Fontana.

  23. Troppe parole . Stringere e fare fatti.

  24. "Riciclare PLASTICA " (a meno che non venga dichiarata esplicitamente la destinazione del riciclo,cosa che non avviene quasi mai) significa produrre materia che possa bruciare negli gli inceneritori .I quali trasformano un inquinante solido , in inquinante gasoso, molto più pericoloso x la salute nostra, trasformandosi in diossine (se la combustione avviene sotto gli 800°C ) o nanoparticelle , che permangono in zona x mesi formando micronuclei che rompono il DNA e provocano tumori (vedi le ricerche di Galli e Montinari) .
    Se chi si occupa di "riciclo dei rifiuti" non parla di queste cose …DIFFIDATE…!
    Se sedicenti ambientalisti parlando di riciclo dei rifiuti non si soffermano sul fatto che SI DEVE evitare di comprare alimenti confezionati …DIFFIDATE…!!!
    Il problema principale è educare la gente a non "comprare rifiuti".Eliminare cioè i problema alla base.Il resto viene dopo.
    Personalmente io con l'umido ci cresco le piante.
    Il 95% degli alimenti li compro sfusi.Il 5% restante in carta.
    Con l'olio residuo ci faccio il sapone
    Riguardo all'edilizia uso esclusivamente e solo sabbia a calce (il residuo è pietra)
    ecc…ecc…

  25. Vanno arrestate le istituzioni illegali allora

  26. paghiamo un tot an pneumatico di o pneumatico per ul pneumatici con tutti u pneumatici per glio pneumatici illi pneumatici psun pneumatico……gli italiani sono fantasiosi quando cercano di non dire semplicemente UN pneumatico DUE pneumatici IL pneumatico I pneumatici, per non fare brutte figure….ma non sanno che anche il modo "normale" non cacofonico è corretto.

  27. Qui a Pero (MI), prima cintura dell'hinterland, hanno l'inceneritore: non si sente nessuna puzza speciale, e case e capannoni hanno il riscaldamento praticamente gratuito. Non mi sembra una cosa da demonizzare. Aggiungo che ogni volta che pago la bolletta dei rifiuti, bella salata, penso che, oltre a sganciare, devo fare anche un meticoloso lavoro di differenziazione e francamente, mi vengono i nervi. Certo, il fatto che questo signore citi l'UE ogni 7 parole mi ha indisposto.

  28. non esiste il termine illegal building forse perchè non c'è tutta questa burocrazia . Io per una casetta in campagna di 30 m2 sono 2 anni che ancora aspetto l'approvazione del progetto e nel frattempo ho dovuto spendere moltissimi soldi tra cui una perizia geologica per i terremoti (che PER una casa di un piano con struttura in acciaio è una cosa ridicola). se non fossi onesto l'avrei già costruita, non se ne sarebbe accorto nessuno e avrei speso molto meno…in Italia l'onestà è penalizzante

  29. Noi spendiamo 218 euro l'anno procapite, significa che se butto via uno stendibiancheria ormai in disuso, loro lo recuperano fondendo il metallo ricavato lo rivendono al prezzo doppio, tuttavia a noi restano gli oneri della commissione, non mi sembra una buona soluzione.

  30. I rifiuti andrebberò riclitati

  31. Spero di poter lavorare in questo tipo di settore

  32. Grazie Sig.Messora anche a tutti i suoi collaboratori..!! questa è Informazione..!!!

  33. Mi pare che sia Semplice la "Questione Riffiuti ed Riciclaggio" in Italia, basta copiare il sistema che viene applicato in GERMANIA ,utilizzando questo sisistema Intelligente molto efficace per far risparmire dalla parte di Cittadino, eccetera..ect..
    (Mentre guardavo Video Byoblu attendevo che la brava giornalist facesse una domanda riguardo Sistema di riciclaggio ,Rifiuti in GERMANIA ed altri paesi Europei che applicano un sistema intelligente.

  34. Il popolo paga sempre..
    Dobbiamo aggiornaci in fretta
    Spero che il nostro governo.. Prenda atto di questa persona splendida… Grazie

  35. ByoBlu, come sempre grazie. Ma darete spazio all'idea della pirolisi come soluzione al problema dei rifiuti ? Maim fa un impianto che scompone totalmente il rifiuto in syngas da cui fa corrente elettrica.

  36. Ma perchè non vi interessate del Pirodistilgasogeno della Piromak? Se ci costringono a differenziare, perchè non sono capaci a creare ricchezza dalla mondezza? Perchè non ce la pagano la mondezza? Che pensate che bruciare la mondezza è la soluzione dei problemi? Sono capace pure io a risolvere così! Grazie un saluto e speriamo che qualcuno comincia a capire.

  37. Va a quel paese tu e l'Unione Europea

  38. Salvini dice che vorrebbe più termovalorizzatori, però, se qualcuno avesse un'alternativa migliore, di farglielo sapere, e potrebbe cambiare idea. Fategli vedere questo video.
    P.S. io ho letto qui (ma se ne parla da annj) di poter smaltire l'amianto con il siero del latte
    https://il-cosmo.com/2018/03/01/amianto-la-soluzione-e-nel-siero-del-latte-esausto/
    Perché non fate un video a riguardo? O l'avete già fatto? Grazie a voi di Byoblu.

  39. BASTA…CALARE….DRASTICAMENTE…LA PRIMA ERRE……(RIDURRE…..!!!!)

  40. Grande giornalista! questo è giornalismo che piace , comunque se si vuole sapere cosa fai nella vita, si sà! Come mai non seguono la filiera, la FINANZA se vuole sa a monte cosa succede in tutte le società cosa fanno.
    COMPIACENZA? DELLA POLITICA?
    MA È MAI POSSIBILE UNA SOCIETÀ ONESTA.

  41. Ministro dell'Ambiente subito!

  42. La gestione criminale dei rifiuti ha dietro parti dello Stato. Altrimenti se il pubblico combatesse veramnete questa gente, non avremmo roghi "fantasma" ovunque in Italia.

  43. Visto che siete degli incapaci! prendete esempio dai paesi esteri ,andate a scuola da loro e fatevi insegnare come smaltirli.Questo signore sta ripetendo e dicendo sempre le stesse parole,economia circolare,cultura,mafia,camorra.risultati concreti? Niente.bisogna agire subitooo.

  44. Se siamo 60 milioni di Italiani e ogni anno si producono 30 milioni di tonnellate di rifiuti domestici vorrebbe dire che ognuno di noi produce una media di 500 chili di rifiuti ogni 12 mesi, più di un chilo e mezzo al giorno. Ma…

  45. Fino a quando il rifiuto sarà considerato un costo per chi lo produce, economico e burocratico, ci troveremo sempre nella condizione di nasconderlo sotto il tappeto. Nel momento in cui invece, il recupero-smaltimento verrà incentivato e non a chiacchiere, allora si risolverà ogni problema. L'eventuale costo ovviamente va ripartito sulla collettività con la vendita dei beni, ad esempio con l'IVA, che tra l'altro dovrebbe assorbire l'intera tassazione dei cittadini. E' assurdo infatti continuare a tassare il lavoro e tassare poco i beni consumati (anche se ora vengono tartassati entrambi), certo ne patirebbe nel breve periodo il consumismo ma ne trarrebbe vantaggio l'ambiente ed anche la nostra vita, SOPRATTUTTO SE IL DENARO NON CE LO PRESTASSIMO e già questo risolverebbe ulteriori problemi ancora più gravi!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: