Goodwill Asset Management servizi di tutela del patrimonio su conto corrente in Svizzera

Pillole da Oscar, Debito pubblico

Pillole da Oscar, Debito pubblico

Pillole da Oscar, Debito pubblico

La patrimoniale la paghi lo STATO
Tutte le info su:

Pillole da Oscar Giannino
Debito Pubblico
Fare per fermare il declino
Elezioni 2013

29 commenti

  1. Anche il governo uscente ha parlato molto della cessione del patrimonio immobiliare dello Stato per diminuire lo stock del debito pubblico…
    In linea teorica è la strada migliore per abbattere la montagna del debito, ma bisogna tenere presente che per VENDERE qualcosa bisogna trovare il COMPRATORE.
    Allo stato attuale mi sembra questo il vero problema. Chi se lo prende il patrimonio immobiliare italiano?

  2. Per carità, nemmeno a me…spero anche io che questi enormi Fondi stranieri possano avere interesse nel nostro patrimonio pubblico, non ne sono convinto ma me lo auguro eheh

  3. Grande Oscar <3

  4. C'è in giro un casino di liquidità (all'estero). Se lo Stato vende una caserma nel centro di Roma (per fare un esempio) e conferisce al compratore la possibilità di trasformarla in un Hotel senza impedimenti burocratici, FANNO LA FILA per comprare.

  5. In realtà i compratori ci sono, peccato che sono i soliti gruppi finanziari che in questi ultimi vent'anni, hanno concentrato la maggior parte delle ricchezze attraverso operazioni di speculazione a fronte di una tassazione tutta sbilanciata verso il mondo produttivo. Ecco perché una patrimoniale mirata non è affatto una cattiva cosa.

  6. che caxxata.. questo sarebbe un economista???

  7. Giannino, torna a dire le tue fregnacce nei talk show che è meglio.

  8. Haha ecco un "fan" con il prosciutto sugli occhi che si sente colpito, il problema non è il debito pubblico e la soluzione non è quella proposta da Giannino.
    Informati sul Trattato di Lisbona, ESM e Fiscal Compact (per dirne alcuni).
    Ciao e buon risveglio.

  9. Io non ti ho offeso, ti ho solamente detto che hai il prosciutto sugli occhi, questi argomenti sono lunghi e delicati per poterteli spiegare in quattro righe, se vuoi informati, ciao.

  10. stai zitto..??? ma non mi sembri una persona degna di risposta

  11. Prima cosa "stai zitto" lo dici a tuo padre, se te lo permette 😉

    Seconda cosa, io non ti ho offeso, ho semplicemente detto che hai il prosciutto sugli occhi.
    Riassumere questi argomenti in poche righe è impossibile dunque, o vai ad informarti, oppure continua ad ascoltare Giannino, che dice cose giustissime insieme a cose sbagliatissime.
    Ascoltati un po di economisti seri tipo Alberto Bagnai e Claudio Borghi e senti cosa hanno da dire sull'euro.. (per citarne due nostrani).

  12. Guai a toccargli il suo beniamino, attento che si incazza e ti dice di stare zitto.
    @veraveramente1 – Giannino si occupa di economia, questo non vuol dire che sia un economista.

  13. L'arrogante sei tu che ti permetti di dire agli altri di stare zitti, ciao!

  14. le storielle sul trattato di lisbona sono cazzate per complottisti nate da mistificazioni della controinformazione bloggara. non vado oltre perché non mi va di far polemica. apri qualche libro e svegliati tu.

  15. così come bagnai dice una cosa, altri dicono un'altra. la posizione di bagnai è in netta minoranza rispetto al totale degli economisti di spicco mondiali. anzi, penso sia in minoranza perfino nella stessa italia, solo che opinioni come la sua fanno più rumore di altre. perché dovrei pensare che bagnai ha la verità in tasca? ideologia.

  16. Perché dovrei pensare che Giannino ha la verità in tasca? Ideologia.

    Ognuno trae le proprie conclusioni da ciò che legge ed ascolta.
    Non penso di avere la verità in tasca ma so per certo che non ce l'ha neanche Giannino.

    Poi, ognuno la pensi come vuole, non sono certo qui per convincere qualcuno.

  17. nessuno pensa che giannino abbia la verità in tasca. le proposte di giannino sono niente più che adattamenti di riforme attuate in paesi che avevano situazioni simili (canada, australia, germania) e si sono risollevati. quindi utili e funzionali empiricamente. nessuno stato è invece uscito dall'euro (quindi non abbiamo case studies), e in più la maggior parte delle analisi mostra conseguenze diverse da quelle bagnaiane.

  18. A parte il fatto che quello che dice Bagnai non se l'è inventato ma si basa su degli studi di economisti come Paul Krugman.
    Inoltre, quando tu affermi che non ci sono precedenti storici riguardo alla nostra situazione ti sbagli di grosso, visto che l'Argentina negli anni 90 era agganciata al dollaro americano con un tasso fisso come noi con l'euro e non potendo svalutare erano soggetti a speculazioni finanziarie.
    La Germania e l'austerity di Monti ci stanno tirando sempre più giù.

  19. e infatti non ho scritto che se l'è inventato, ho scritto che sono analisi nettamente minoritarie, e lo sono, così come quelle di Krugman. L'Argentina? appunto, guarda che bene stanno. un default e si stanno avviando al secondo.

  20. Cosa pensi che questo casino che sta subendo l'Argentina sia dovuto solamente ad amministrazioni sbagliate del capitale pubblico?

    C'è anche da dire un'altra cosa, noi non siamo l'Argentina, a livello di tessuto industriale possiamo ancora reggere, se ci sbrighiamo a cambiare le cose potremmo anche riprenderci , altrimenti la situazione Greca ci attende inesorabile.
    Visto che bene si sta dentro l'Europa eh? 😉

  21. non capisco dove tu voglia andare a parare col commento. certo che ci possiamo riprendere, la strada è quella che possiamo apprendere da altre nazioni nella ns situazione che lo hanno dimostrato.

  22. Certo che vendere immobili nel momento in cui, storicamente, valgono meno mi sembra un enorme spreco di risorse per il futuro (futuro a cui non si pensa mai). Se penso poi che questa "svendita" va ad arricchire i "soliti noti" mi intristisco ancora di più. Secondo me la quarta via più logica è quella di aiutare la crescita. Con le tasse siamo già al picco ma una parte va utilizzata per aiutare la piccola e media industria. Sappiamo tutti che il debito è in relazione al prodoto interno lordo!

  23. queste si che sono perle di saggezza…vendere beni pubblici…per ripagare il debito…
    per assurdo vendiamo immobili… il depito arriva a 1800 miliardi di euro… ???
    è
    dopo due anni …che succede siamo di nuvo a 2000 miliardi di debito…che abbiamo risolto nulla.anzia abbiamo perso patrimonio immobiliare per sempre..saremo più poveri due volte in più…..

    per ridurre il debito servono interventi strutturali … che cambiano la struttura del paese ITALIA…

  24. D'accordissimo sul fatto che sono necessari interventi strutturali, per ridurre al minimo il deficit strutturale (quello al netto delle spese per interessi). Ma devi sapere che, riducendo il debito pubblico, si libererebbero ogni anno 5-10-15 miliardi (di mancata spesa per interessi) per finanziare le cosidette riforme strutturali (es: abolizione dell'IRAP, riduzione del cuneo fiscale, ecc..)..sai quante cose ci puoi fare con 10 miliardi ogni anno? pensa che l'IMU ne ha fruttati 4 di miliardi!!

  25. Inoltre, devi sapere che la riduzione del debito pubblico è, di fatto, imposta dall'Europa; infatti, se hai notato, ce l'hanno tutti i partiti nei propri programmi!!! Il problema è che, fino a oggi, si è ridotto il debito pubblico facendo i "tesoretti" ogni anno, alzando le tasse e riducendo i servizi, facendolo pagare ogni volta ai "soliti noti"!! Ora basta!! Ci sono un'infinità di immobili lasciati a marcire e partecipazioni statali di cui certamente non abbiamo bisogno..vendiamo quelli!

  26. Si, certo, come no, regaliamolo agli imprenditori o alle banche il patrimonio dello stato. Poi tra l'altro, visto che lo stato dovremmo essere noi, è come se ci facessimo la patrimoniale. No dai, ma andiamo anche oltre: prendiamo i diritti, li togliamo e li chiamiamo "servizi" e poi ce li compriamo dai privati; sempre che ci rimangono i soldi… e dopo che ci siamo venduti tutto, se non basta o se ci risiamo, cosa facciamo? Una bella leggina che obbliga gli italiani a vendere il culo per strada?

  27. Scusami ma la ex Caserma Masini a Bologna, la ex Caserma di Intimiano o l'ex Caserma del Genio a Roma sono chiuse, inutilizzate non servono allo Stato, non servono ne a me ne a te e allora cosa ci facciamo? Perché non venderle ad un privato in modo da ricavare, dai soldi dalla vendita, un fondo di investimento per le aziende? Perché non venderla ad un privato che investa dei soldi creando una nuova attività economica e quindi dei posti di lavoro? Spiegami l'utilità di questi edifici abbandonati

  28. Lo Stato non siamo noi. Lo Stato è un apparato burocratico sul quale abbiamo ben scarso controllo. E non è così solo in Italia, è così ovunque, con varie gradazioni.

  29. Peccato per Fukushima ed il nucleare, altrimenti avrebbe una qualche credibilità… sarebbe bello sapere secondo lui le centrali chi doveva farle? E con che soldi se non quelli dello Stato…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: