Goodwill Asset Management servizi di tutela del patrimonio su conto corrente in Svizzera

GIUSEPPE CONTE È IL PREMIER INCARICATO/ Il primo discorso: “sono l’avvocato difensore del popolo ita

GIUSEPPE CONTE È IL PREMIER INCARICATO/ Il primo discorso: “sono l’avvocato difensore del popolo italiano”:
.

Grazie per la visione, iscriviti per altri video:

Molto, molto teso e ben poco rilassato nel suo primo discorso da premier incaricato: Giuseppe Conte ha parlato pochi istanti fa dal Quirinale dopo un colloqui di circa due ore e mezza avuto con il Presidente della Repubblica. Non cita mai Lega e M5s, ma prova a conquistarsi la fiducia del popolo italiano all’ascolto, tanto da ricordare quale sia la sua origine e il suo intento politico: «voglio un governo dalla parte dei cittadini che tuteli i loro interessi: sono professore e avvocato, ho perorato le cause di tante persone ma ora voglio tutelare gli interessi di tutti gli italiani, dialogando con istituzioni europee e altri paesi. Mi propongo di essere l’avvocato difensore del popolo italiano: lo faccio con massimo impegno e massima responsabilità». Un Premier che ora comincerà i lavori di consultazioni con gli altri leader dei partiti prima di presentare nei prossimi giorni la lista dei ministri al Quirinale: a quel punto, se la riserva sarà sciolta dal Colle nascerà ufficialmente il primo Governo Conte. «Fuori da qui c’è un Paese che attende la nascita di un esecutivo e attende risposte, quello che si appresta a nascere sarà il governo del cambiamento». (agg. di Niccolò Magnani)  IL CODACONS LO HA DIFESO Coinvolto in numerose polemiche nelle ultime 24 ore, Giuseppe Conte è stato difeso a spada tratta dal Codacons. “La prima vicenda risale al 2008, quando scoppiò il caso dei redditi dei contribuenti pubblicati online dall’Agenzia delle Entrate. Una violazione delle norme sulla privacy degli utenti che venne sanzionata dall’Autorità garante e che finì in tribunale, dove Conte difese il Garante per la privacy e i cittadini dal grave errore commesso dall’Agenzia”, le parole dell’avvocato Gianluca Di Ascenzo riportate da Today.it. Ma non solo: il giurista infatti difese i diritti degli utenti quando la Rai si fece fornire dai rivenditori di televisori i dati sensibili di chi acquistava un nuovo apparecchio televisivo. “E’ evidente che imprecisioni del curriculum e le tante bufale sul conto del futuro Premier circolate in queste ore non possono in alcun modo cancellare le giuste e importanti battaglie avviate da Conte a tutela dei cittadini vessati dalle istituzioni ” sottolinea il Codacons. (Aggiornamento di Massimo Balsamo) IL MISTERO DELLA CASA IPOTECATA DA EQUITALIA Il professore Giuseppe Conte perde quota per Palazzo Chigi secondo gli ultimi rumors politici, con il giurista esponente del Movimento 5 Stelle che nel corso della giornata è stato al centro di vibranti polemiche per il presunto taroccamento del curriculum ma non solo. E non è ancora finita: pochi minuti fa L’Espresso ha sollevato un altro giallo, quello della casa ipotecata da Equitalia. Il portale rivela che nel 2009 Giuseppe Conte ha ricevuto un’ipoteca legale da parte di Equitalia per oltre 52 mila euro sulla casa romana di proprietà del professore, per un “importo capitale di 26 mila euro di cui ad ora non si conoscono precisamente le origini”. Non si conoscono i moitivi di
#GIUSEPPECONTE, #PREMIERINCARICATO, #primo, #discorso, #“sono, #l’avvocato, #difensore, #popolo, #italiano”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: