Goodwill Asset Management servizi di tutela del patrimonio su conto corrente in Svizzera

Economia,Visco:”Questa è la più grave crisi della storia italiana. Il problema è il debito pubblico”

Economia,Visco:”Questa è la più grave crisi della storia italiana. Il problema è il debito pubblico”

Il problema è il debito pubblico: “Il problema principale in Italia è il debito pubblico, non la quantità di debito pubblico che è nei bilanci delle banche. Dobbiamo intervenire sul debito pubblico perchè abbiamo un tasso di crescita dell’economia che si abbassa e un tasso di interesse sul debito che sale. Adesso è il doppio rispetto a solo otto mesi fa mentre il tasso di crescita è la metà. Quindi c’e’ un problema serio”. Lo ha detto il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco parlando alluniversità Bocconi in occasione della presentazione del suo ultimo libro “Anni difficili”. .  .video di Edoardo Bianchi

16 commenti

  1. Visco, che fine hanno fatto i soldi che la bce ha dato alle banche per sostenere l'economia? Perché il debito pubblico cresce? Non sarà che i poteri finanziari e il resto d'Europa avrebbero voluto , con il vostro benestare, impadronirsi anche del "Colosseo " come fecero con i porti e le isole greche? Quando la finirete di blaterare senza costrutto? Ma sapete andare affà?

  2. Il problema serio è stato che la politica in Italia si è mangiata tutto……… passato, presente e futuro, compreso il cristo che teniamo attaccato sul muro. Non ci rimane neppure la preghiera a salvarci il culo. Siamo fottuti al 100 per 100, il problema è che oggi, ne abbiamo tutti la consapevolezza.

  3. La crisi che ora esiste davvero grazie a voi. È la moneta a debito stronzo non ce pigliate per il culo. Campiamo voi e i parassiti

  4. Crescono tutti i paesi europei e noi da buon perdenti diamo la colpa alla cattivissima unione europea. Farsi un esame di coscienza no? Questo governo non ha nessun piano per far crescere questo paese!

  5. Si e la colpa è tutta vostra, avete ammazzato gli italiani e ora gli date la colpa

  6. Debito pubblico?!? In anni di piena austerity 2011-2018, il debito italiano è aumentato di altri 350 MILIARDI di euro! La conferenza allarmata la fai solo ora?!? Quando c'erano i tuoi amici sulla cadrega non hai mai fiatato così preoccupato: fottiti!

  7. VISCO MASSONE basta raccontare balle primo riportare in italia le riserve auree 2.450 ton. da n.y e da londra in bankitalia ora subito adesso.secondo ripassa art.123 e art.127 TUE(trattati unione europea),basta parlare del debito pubblico che è solo un ricatto da parte dell'elite massonica a cui aderisci usando agenzie di rating di loro proprietà,il debito pubblico può essere compensato dalle ns riserve auree di bankitalia parola di Salvatore Rossi ,direttore di bankitalia,art 123 TUE CONSENTE AGLI STATI EUROZONA DI CREARE UNA BANCA STATALE E DI USARLA PER FINANZIARSI PRESSO LA B.C.E-. AI TASSI MOLTO BASSI CHE QUESTA PRATICA ALLKE BANCHE.LO STATO ITALIANO ,risparmierebbe 80 miliardi/anno .MAI APPLICATA.SVEGLIA ITALIANI FAR GIRARE INFORMAZIONE.

  8. La crisi l avete creata voi con gli strumenti derivati e le bolle speculative. Manovrando i mercati con scommesse sul futuro e le materie prime.

  9. Anche per te arrivera caronte

  10. A vedere bene le sembranze di maiale di quest' uomo tutto penso tranne che siamo in crisi.
    Chissà finita questa recita dove e' andato a sbofonchiare e con chi …..

  11. Questa è la più grande truffa ai danni del popolo e voi siete collusi con la mafia finanziaria speculativa internazionale….
    Per aver tolto la sovranità monetaria e truffato il mondo intero con la riserva frazionaria e la storiella del debito pubblico un giorno pagherete tutti i danni all'umanita'….

  12. Ma questo piglia per il culo?

  13. Il problema è la mancanza della sovranità monetaria e dunque la moneta a debito. Ripristiniamo la situazione pre Mastricht e pre divorzio banca d'Italia e Tesoro!

  14. Grazie ai governi sostenuti da lei.

  15. Tu non meriti di ricoprire questo ruolo…ci hai svenduto insieme a monti ecc ecc

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: