Goodwill Asset Management servizi di tutela del patrimonio su conto corrente in Svizzera

Andamento del debito pubblico italiano.

Andamento del debito pubblico italiano.

Andamento del debito pubblico italiano.: Dalla puntata de L’aria che tira, andata in onda su LA7 il 29/11/2011, viene affrontato il tema del debito pubblico italiano.
Qual è stato il suo andamento dal 1979 al 2011?
Cosa è successo con i governi successivi?
Nel suo primo discorso da premier, Matteo Renzi aveva annunciato che avrebbe alleggerito il peso del debito che graverà sulle spalle delle generazioni future, ma durante il suo governo il passivo statale è salito di 2.617 euro a persona.
Il debito pubblico italiano è il più grande dell’area euro in termini assoluti e il secondo dietro alla Grecia in termini percentuali se confrontato con il PIL.
Non essere riusciti a ridurne il carico è uno dei grandi fallimenti e probabilmente rimpianti del governo Renzi.
Sotto Renzi, ossia da febbraio 2014 a novembre 2016, il debito pubblico pro capite è cresciuto del 7,6%, una percentuale più alta anche di quella del +7% avuta durante il periodo 2008-2011 dell’ultimo governo Berlusconi, quando la crisi finanziaria del debito pubblico italiano ha costretto il fondatore di Forza Italia a rassegnare le dimissioni nel novembre 2011 e lasciare spazio al governo tecnico guidato da Mario Monti.
Per fare un paragone, il livello di debito pro capite è salito dello 0,9% durante l’amministrazione di Enrico Letta e del 5,5% con Mario Monti.
Il debito pubblico italiano è aumentato ancora nel novembre 2016 attestandosi a quota 2.230 miliardi secondo i dati dell’ISTAT.
Era pari a 2.110 miliardi a fine febbraio di tre anni fa, quando il premier Renzi ha preso in mani le redini dell’Italia.
Come i precedenti governi, secondo la legge di bilancio approvata nel dicembre 2016, l’attuale governo intende ridurre il rapporto tra debito e Pil.
Nel frattempo l’agenzia di rating Dbrs ha tagliato il giudizio a lungo termine sulla qualità del credito sovrano italiano da A (low) a BBB (high), citando nel suo rapporto la crescita debole dell’economia che hanno provocato ritardi nel processo di abbassamento dell’elevato rapporto tra debito pubblico e PIL.

Sotto il link per rivedere l’intera puntata.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: